Carrello dei salumi
Varcata la soglia del ristorante sarete catturati dal profumo dei salumi, ben dieci tipi diversi in bella mostra sul carrello, dal prosciutto alla spalla cotta rigorosamente tagliati a mano, dalla culaccia al prestigioso culatello, senza dimenticare il salame di Felino, che non è salame di gatto ma una località del parmense, solo per citarne qualcuno.
Tutti i salumi sono attentamente selezionati da Sandro e provengono dalle fattorie locali perché solo qui c'è il giusto grado di umidità che consente un'eccellente stagionatura che li ha resi famosi in tutto il mondo.
Ma attenzione lasciate posto anche alle altre prelibatezze!

La pasta
Ogni giorno le mani sapienti dei cuochi, con semplici ingredienti come uova, farina, acqua e sale, preparano l'impasto con cui vengono preparati i nostri primi piatti: tortelli col ripieno di ricotta e erbette, di zucca o di castagne che potrete gustare insieme se lo desiderate.
Altra specialità gli anolini con il ripieno di stracotto serviti col brodo di cappone che è più leggero. In brodo anche la pasta "rasa" fatta con tanto parmigiano, farina di semola e uova. Per preservare queste ricette che la famiglia Ghinelli si tramanda da generazioni, Rossella controlla ogni giorno i sapori dei ripieni, il loro vero marchio di fabbrica. Ogni piatto deve essere eccellente! Così come le pappardelle al capriolo e funghi, i tagliolini al salamino, per non parlare degli gnocchi o del risotto con ossobuco di vitello o di quello col radicchio e altro ancora.

Carrello dei bolliti
Dalle cucine esce fumante il carrello dei bolliti, ben dieci diversi tipo di carne che Maurizio vi taglierà al momento a seconda delle vostre richieste o se preferite un assaggio di ciascuno. Manzo, testina, coppa, prosciutto, lingua,  piedini di maiale,  costine accompagnati dalle salse che vengono preparate ogni giorno. La salsa verde con il prezzemolo, quella di verdure, la rossa in agrodolce e la mostarda di frutta, lo zampone,  il prete e il cotechino serviti con il purea per chi lo,desidera. Non dimenticate di assaggiare il "pieno" impasto di formaggio, pane  e uova avvolto in un telo di lino e cotto nel brodo, il segreto della sua bontà e' gelosamente custodito dalla famiglia Ghinelli. Le carni,  tutte provenienti dalle fattorie locali, vengono preparate secondo procedimenti che ne mantengono morbidezza e leggerezza per essere poi bollite con verdure fresche.

Carrello degli arrosti
Di pari importanza gli arrosti in bella vista sul carrello.
Arista farcita con composto di parmigiano e spinaci, punta di vitello ripiena che da noi si chiama picaia, stinco di maiale, costine, prosciutto e il coniglio con gli aromi sfumato col vino bianco.
Maurizio vi taglierà un assaggio di ciascuno o quello che più preferite, e se lo desiderate, un po' del sugo di cottura.

Carrello delle verdure
Non meno variegato il carrello delle verdure che si presenta con una sfilata di piatti tra i quali non potranno mancare le cipolline in agrodolce che potete gustare anche  accompagnate  ai salumi, pomodori ripieni, melanzane gratinate con mozzarella e origano, zucchine ripiene, finocchi gratinati con besciamella di parmigiano, peperoni alla griglia, patate bollite servite col prezzemolo, Catalogna e immancabili i "grugn" i radicchi quelli che crescono nel campo all' aria aperta e che dall'aria e dalla terra traggono il loro sapore.

Carrello dei dolci
Dulcis in fundo  avanza il carrello delle dolci prelibatezze.
Torta al limone con tanta crema pasticcera, torta di noci e marmellata, torta di cioccolato, profiteroles, strudel, crem caramel, lo zuccotto farcito con crema e cioccolato e il pan di Spagna inzuppato nell' alkermes, come quello di una volta, pezzo forte della tradizione la "sbrisolona" pezzi di croccante torta ricca di mandorle che vi consigliamo di intingere nella crema zabaione fatta con uova freschissime, mascarpone e caffè in polvere, una delizia!

Carrello della frutta
Frutta fresca al naturale come ananas, fragole e Macedonia ma anche quelle semplici antiche preparazioni come le prugne cotte, le pere cotte nel vino, le amarene cotte senza aggiunta di zucchero servite nel loro sugo brusco, provatele e un' antica ricetta che non vi capiterà di trovare da altre parti, per addolcile se desiderate una cucchiaiata di crema zabaione. 

Caffe solo con la moka (come da tradizione)

Ristorante Hotel Leon d'Oro - viale Antonio Fratti, 4 - 43121 Parma (PR) - Tel. 0521 773182 - info@leondoroparma.com